Comunicare e condividere: sono le parole d’ordine del XXI secolo. Attraverso i social media è sempre più semplice far conoscere i pensieri e stati d’animo in tempo reale a chiunque sia connesso con noi… e allora, perché non esprimersi anche attraverso la propria casa? Pareti, scale, complementi d’arredo: tutto nel trend di interior design degli ultimi anni “parla” e comunica un’emozione, un messaggio, un’idea. Ecco alcuni esempi, a metà tra il sognante e il divertente. Per gli amanti della musica o della poesia, i gradini di una scalinata possono essere il foglio perfetto su cui scrivere versi e rime: una frase ad ogni passo, che compone una storia d’amore e di gioia man mano che si sale.

scale_design

Anche la motivazione trova spazio tra un gradino e l’altro, alternando stati d’animo sempre più positivi, che portano senza dubbio a destinazione con il sorriso.

 scale_interni

Per chi preferisce la narrativa, ecco una scala decorata con i titoli dei più classici romanzi della letteratura americana.

scale_interiordesign

La moda degli stencil da parete regala l’opportunità di esprimersi davvero a 360°: si può optare per un messaggio spiritoso, autoironico, oppure racchiudere la propria filosofia di vita in un breve motto, da osservare ogni giorno, simbolicamente impresso nella solidità delle pareti di casa.

scale-decor

Anche i complementi d’arredo e gli accessori parlano e comunicano, non solo agli abitanti dello spazio domestico, ma anche agli ospiti. Perché non accoglierli con un pizzico di sarcasmo, se si presentano troppo spesso all’ora di cena? Oppure mostrare che gli animali di casa sono addestrati per proteggerla… anche se la taglia non è notevole.

design_esterni

Le scale e gli oggetti dell’arredo urbano comunicano anche outdoor, integrate in un paesaggio cittadino sempre più ricco di segni e simboli. Alcuni sono decisamente “tribali”, dedicati a gruppi chiusi e ristretti, gli unici che riescono a coglierne l’essenza e interpretarli correttamente: basti pensare ai “tag” dei writers, alcuni vere opere d’arte che colorano aree dismesse e post-industriali. Oppure le attività di guerrilla marketing più oscure, che fanno comparire disegni e stencil in particolari zone delle città, evocando ricordi e personaggi conosciuti da tutti.

arte_scale