techne_skin_01_5La scala Techne è il fiore all’occhiello della collezione Fontanot, perché è una scala che realmente rappresenta la filosofia dell’azienda e i concetti di funzionalità e di design attuali. Per questi motivi verrà esposta durante il Fuorisalone 2014 di Milano, nel contesto dell’evento “Romeo&Juliet, a bit of contemporary love” (giovedì 10 aprile 2014, ore 18 nel locale Presso, in via Sarpi 60).

 

Techne è una scala che guarda al futuro, e in parte già lo contiene, grazie all’utilizzo innovativo dei materiali e soprattutto al coinvolgimento delle più aggiornate tecnologie: Techne di Fontanot è infatti la prima scala al mondo interamente prodotta in tecnopolimero (rinforzato con fibra di vetro) e autoportante.

 

Grazie all’applicazione di realtà aumentata Techne Stairs AR (disponibile gratuitamente sull’App Store), è possibile visualizzare, sullo schermo del tablet, la scala Techne in 3D che meglio si adatta al tuo spazio; la presenza di un configuratore online, a disposizione sul sito di Fontanot, permette la progettazione della propria scala in modo semplice ed efficace: dalla dimensione all’orientamento così come l’altezza.

 

techneskin_image_gallery43

 

La scala in quanto elemento funzionale e di arredamento, ha sempre offerto degli spunti creativi ai designer che negli ultimi tempi hanno ben saputo approfittare delle ultime tecnologie per sperimentare nuove soluzioni. Nel caso di Techne, l’estro creativo si è unito all’esperienza pluridecennale della famiglia Fontanot.

 

A questo elogio della modernità si accompagna anche la versatilità di Techne, scala adatta sia all’interno che all’esterno, forte di un trattamento che la rende resistente, nel tempo, ai raggi UV e agli agenti atmosferici.

 

Techne verrà presentata al Fuorisalone 2014 nella versioni Techne Linear Verde, Techne Linear Rossa, Techne Skin (la balaustra è avvolta con un telo) e Techne Skin Fiori (il telo sulla balaustra presenta dei motivi floreali).

 

technelinear_image_gallery76

 

Press Kit (pdf, 456 Kb): Romeo & Juliet 2.0, cosa sarebbe successo se il famoso balcone fosse stato più facilmente raggiungibile?